australia

È iniziato ufficialmente con l'accoglienza in Comune a Sarzana il gemellaggio dell'Istituto Superiore 'Parentucelli-Arzelà' con il college australiano 'Wanganui Park Secundary School' di Shepparton (Victoria).

La delegazione straniera composta da venti studenti e due insegnanti è stata ricevuta questa mattina, martedì 26 novembre, nella sala consiliare dalla sindaca Cristina Ponzanelli, alla presenza del dirigente Generoso Cardinale, dell'ex preside Vilma Petricone, degli insegnanti Ilaria Casabianca, Michela Chiappini, Francesca Lucii e Lucia Mazzoni e dei ragazzi della scuola sarzanese le cui famiglie stanno ospitando i coetanei provenienti dal paese oceanico.

 

Questi ultimi resteranno in Italia per circa un mese e i primi dodici giorni avranno come riferimento il Parentucelli Arzelà nell'ambito di uno stretto legame a scopo culturale, iniziativa che sta andando avanti da dieci anni. Un'accoglienza cordiale quella che la sindaca ha riservato loro nell'incontro in Municipio aperto dai saluti del dirigente Generoso Cardinale.

Cristina Ponzanelli, parlando in perfetto inglese, si è detta onorata di accogliere in città i giovani studenti con i loro docenti. Ha ricevuto in segno di amicizia due doni: una bandiera australiana e uno strumento musicale tipico, chiamato claps sticks. Ha chiuso gli interventi l'ex preside Vilma Petricone ricordando le varie tappe del gemellaggio nel corso degli anni e il loro significato di cultura e uguaglianza.

Nel corso della cerimonia è stato spiegato ai ragazzi la figura di Papa Niccolò V, al secolo Tomaso Parentucelli, pontefice dal 1447 al 1455, la cui immagine campeggia nel muro centrale della sala consiliare, dal quale ha preso il nome la scuola superiore di Sarzana.

Dopo la cerimonia di accoglienza, la delegazione australiana ha visitato la città di Sarzana ed in particolare il complesso storico della Cittadella. Il tour, nell'ambito del gemellaggio con il Parentucelli Arzelà, toccherà, tra le altre, le città di Parma e Modena con le visite ad aziende alimentari e al museo della Ferrari a Maranello, e le città di Pisa e Lucca con la visione di bellezze monumentali e storiche.